Reyer Venezia vincitrice della FIBA Europe Cup

La detentrice in carica del titolo italiano, conferma il suo ottimo operato e lungimirante progetto, conquistando anche questo importante titolo europeo in una finale tutta italiana, contro Avellino. Ieri, nella gara di ritorno tra le mura amiche del Taliercio, Venezia doveva difendere il +8 ottenuto nella gara di andata e di conseguenza Avellino doveva rimontare, almeno pareggiando il gap, per portare lo scontro ai supplementari. I Campani partono subito con un parziale di 0-6, ma l’esperienza combinata al talento dei giocatori di De Raffaele riescono a prendere in mano le redini della gara e condurre alla fine del primo quarto per 15-13.Una serie di parziali favorevoli ad entrambe le compagini si susseguono per tutto il secondo quarto, ma un Peric particolarmente ispirato guida la Reyer all’intervallo con un vantaggio di 9 punti, 41-32. Al rientro, gli irpini sfoggiano un parziale di 0-12, che li porta sul +3; l’avvincente terzo periodo termina comunque in favore dei padroni di casa, bravi nel contenere le energie nervose e stringere le maglie in difesa, per il 63-61. Avellino tenta il tutto per tutto nell’ultima frazione di gioco, riuscendo a 6′ minuti dalla fine con una tripla dell’ex Virtus Roma, Lorenzo D’Ercole, a portarsi sul +3. Gli ultimi minuti sono concitati, la pressione e l’agonismo fungono da padroni che l’esperta Venezia riesce a tenere a bada, gestendo con ordine ed efficacia il ritmo della partita, ipotecando il successo per il 78-76 finale. Il trio Peric,Heynes,Daye sigla 47 punti, suddivisi in 16,16 e 15, mentre la strepitosa prova del trascinatore Rich con 32 punti finali e Fesenko 21, non basta ad Avellino per  ribaltare il risultato. Ora testa alla fine del campionato: Venezia, prima, con Milano che insegue a due punti, non vorrà perdere nella prossima sfida contro Pesaro. Avellino, invece, già aritmeticamente qualificato per i playoff, cerca un miglior piazzamento e tenterà di espugnare il difficile campo di Bologna con gli emiliani che occupano l’ultimo posto disponibile per i playoff e non possono permettersi passi falsi, inseguiti da Sassari e Cremona  pronti a strapparle il pass per la post-season.

Marco Di Nicola

Precedente La Roma sfiora l'impresa, Liverpool in finale Successivo La tragedia di Superga: 4 Maggio 1949